giovedì 30 settembre 2010

"La rosa quantica" Di Catherine Asaro

More about La rosa quanticaLa storia di base è intrigante, piena di spunti piacevoli e la lettura scorre bene.
Ci sono però due note dolenti. La prima è il finale: la sotoria si conclude a mio avviso improvvisamente, come lo scoppio di una bolla di sapone. I nostri mettono su una cosa faraonica ed in termine di due righe tutto si risolve.
L'altra è la storia d'amore tra i due protagonisti, non so perchè ma soprattutto nella parte iniziale mi sembrava di passare da un libro di fantascienza ad un Harmony. Poi la parte sentimentale fortunatamente viene messa un poco da parte, e quando nel finale viene ripresa non mi ha più dato questa idea di romanzetto rosa.

domenica 26 settembre 2010

Tutto ebbe inizio un luned'

Questo lunedì, come tutti i lunedì, i miei hanno preso la macchina per iniziare a fare i classici giri di inizio settimana. Una volta a casa però mia madre era letteralmente terrorizzata e ci diceva che c'era qualcosa che non andava in mio padre il quale aveva iniziato a guidare la macchina stando troppo sulla destra e rischiando un paio di volte di andare a sbattere da qualche parte. Io e mia sorella volevamo andare al pronto soccorso, ma mia madre ha preferito restare a casa e chiamare il medico di famiglia il quale non ha trovato niente di anomalo ed ha ipotizzato che si fosse trattato di una ischemia passeggera, di quelle che non lascia danni, ma che sono chiaramente dei campanelli di allarme ed ha quindi prescritto una infinita serie di analisi di controllo.
Nel primo pomeriggio andiamo a fare la spesa come sempre ed al ritorno mio padre era come se volesse guidare la macchina con le chiavi di casa. Io e mia sorella siamo tornate dal medico di famiglia per riferire i nuovi sviluppi dopo di che abbiamo portato mio padre al pronto soccorso dove abbiamo trovato il Doc. House, infatti c'era un giovane dottore che sul camice si era messo un cartellino con la scritta House =)
Per fare breve la storia gli hanno riscontrato un versamento nel cervello, fortunatamente non era dentro il cervello, ma tra le membrane dure che lo rivestono, quindi niente rischi di danni permanenti anche se ci sono dei seri rischi di lasciarci le penne. Lo hanno tenuto una notte in osservazione nella speranza che l'ematoma si riassorbisse da solo, cosa che non è avvenuta, quindi martedì pomeriggio è stato trasferito in neorologia dove lo è stato operato in semiurgenza durante la notte.
Fortunatamente tutto è andato bene e non si sono stati altri sanguinamenti. Il mercoledì mattina lo abbiamo trovato inclinato a testa in giù e poi giorno per giorno lo hanno riportato in posizione eretta, adesso è comodamente seduto in poltroncina anche se non si può alzare in piedi.
La cosa è avvenuta all'improvviso, per noi è stato tutto un rapido susseguirsi di aventi e solo ora iniziamo a renderci conto di quello che è avvenuto e di quello che poteva avvenire.
Speriamo che settimana prossima mio padre possa tornare a casa e che non rompa tanto durante la convalescenza =P

sabato 25 settembre 2010

"Buona Apocalisse a tutti!" di Terry Pratchett

More about Buona Apocalisse a tutti!In genere abbiamo una certa idea di angeli e diavoli, di bene contro male, qui invece ci troviamo davanti a due esponenti delle due fazioni che non ricalcano in pieno il nostro immaginario.
Il libro scorre molto bene e presenta un'ampia gamma di personaggi, alcuni dei quali con ruoli marginali o fini a se stessi. Questo richiede un poco più di attenzione nella seconda parte del libro, dove si devono seguire degli eventi un poco scombinati fra loro.
Il finale mi ha un poco deluso, si ha un crescendo di situazioni fino a che ti ritrovi a pensare "tutto qui? Tutto questo casino e tutto si risolve così?"
Anche i quattro cavalieri dell'Apocalisse me li aspettavo con un ruolo maggiore, invece sembrano più delle comparse di lusso, anche se la loro rappresentazione è molto bella ed azzeccata.
La lettura comunque è caldamente consigliata

lunedì 20 settembre 2010

"L'era del flagello" di Walter J. Williams

More about L'era del flagelloSi legge bene e velocemente, la brevità del libro non concede però troppi approfondimenti sui, pochi, personaggi.
C'è una storia principale ed una secodaria, che secondo me poteva benissimo essere tralasciata per dare qualche paragrafo in più all'approfondimento dei due personaggi principali.
La tematica del libro è comunque molto bella e tutti gli aspetti sono comunque ben argomentati nonostante la brevità: provate ad immaginarvi come cambierebbe il mondo se non ci fosse più bisogno di mangiare.

"Shrek e vissero felici e contenti" di Mike Mitchell

Regia: Mike Mitchell
Sceneggiatura: Josh Klausner, Darren Lemke
Fotografia: Yong Duk Jhun
Musiche: Harry Gregson-Williams
Durata: 93 minuti
Genere: animazione
Produzione: DreamWorks Animation, Pacific Data Images
Distribuzione: Universal Pictures
Paese: USA 2010








Doppiatore personaggio
Renato Cecchetto Shrek (voce italiana)
Mike Myers Shrek (voce originale)
Selvaggia Quattrini Fiona (voce italiana)
Cameron Diaz Fiona (voce originale)
Eddie Murphy Ciuchino (voce originale)
Antonio Banderas Gatto con gli stivali (voce originale)
Walt Dohrn Tremotino (voce originale)
Craig Robinson Omino di zenzero (voce originale)
Chris Miller Lo specchio magico (voce originale)
Cody Cameron Pinocchio/I 3 porcellini
Aron Warner Il lupo cattivo (voce originale)



Eccoci al capitolo finale delle avventure del nostro orchetto verde preferito, Sherk. Questa volta, come di moda ultimamente, lo spettacolo può essere visionato anche in 3D. Io personalmente ho visto la versione nelle classiche 2D e mi pare di non aver perso assolutamente niente, anzi ho guadagnato la differenza del biglietto.

Il nostro Sherk inizia a sentirsi un poco stretto nel ruolo di padre di famiglia, inizia a rimpiangere i bei vecchi tempi quando terrorizzava i contadini e poteva farsi un bagno nel fango in tutta tranquillità. In un momento di disperazione fa un patto con il classico mago malvagio, Tremotino: un giorno da vero orco in cambio di un giorno dell'infanzia del nostro verde amico. Non importa dirvi che Tremotino conosce il fatto suo e che il patto nasconde un cavillo cavilloso ed il nostro Sherk avrà quindi un giorno per riconquistare la sua Fiona e rompere il contratto. Il lieto fine è scontato, ma devo ammettere che mi aspettavo un qualcosa di diverso, un qualcosa che facesse vedere come il nostro orco verde si renda sì conto dei piaceri della famiglia, ma mi aspettavo che questa ultima imparasse a dare a Sherk il suo spazio per continuare a sentirsi se stesso, mi sarebbe bastata una Fiona che a fine episodio acconsentisse ad impedire che la carrozza turistica passasse tutti i giorni da casa loro.

Che dire, carino, divertente, certamente meglio del capitolo terzo ma niente a che vedere con i primi due. Concordo con chi sostiene che è più un film per i genitori, che si possono riconoscere nella frustrazione di Sherk, che per i pargoli i quali al massimo possono ridere per il maghetto che cambia parrucca a seconda dell'umore e del gatto con gli stivali leggermente imbolzito.

La sufficienza comunque se la merita, adesso però mi aspetto un film con Ciuchino e Gatto protagonisti.

mercoledì 15 settembre 2010

lunedì 13 settembre 2010

Ma che cavolo!!

cavoletto di Bruxelles
cavolo verza
broccolo
cavolo fiore

"somewhere" di Sofia Coppola

regia: Sofia Coppola
fotografia  Harris Savides
montaggio: Sarah Flack
musiche: Phoenix
produzione: American Zoetrope
distribuzione: Medusa
paese: USA 2010
genere: Commedia, Drammatico
durata: 98 Min








ruoli ed interpreti
Stephen Dorff Johnny
Elle Fanning Cleo
Chris Pontius Sammy
Michelle Monaghan Rebecca
Laura Ramsey - Robert Schwartzman Sailor Girl
Caitlin Keats - Jo Champa Kate
altre info
vincitore del Leone d'Oro per il miglior Film nel 2010

Che dire se non "che gran cagata!!"
Il protagonista Jhonny è un attore di successo e vive ad Hollywood in quello che pare sia un famoso hotel: Chateau Marmont ... a me pareva un alberguccio di periferia se non fosse per il servizio in camera impeccabile, ma lasciamo perdere.
Il nostro Jhonny se ne va bello bello in giro con la sua ferrarina ed a casa non mancano ragazze che ballano la pole dance a domicilio e pasticche di ogni genere. Ad interrompere questa vita spensierata arriva la figlia undicenne Cleo che farà riflettere il genitore sulla sua esistenza e sul suo ruolo nel mondo.

Detto così parrebbe proprio un bel film, peccato che per me è stato una cagata pazzesca, è stato noioso e lento, non facevo che chiedermi quando iniziasse il film. In due o tre occasioni ho sperato che l'elicottero si schiantasse a terra. Dalle trame lette in giro sembrava che la metamorfosi interiore di Jhonny avvenisse durante il viaggio in Italia con la figlia e che questa ultima fosse la reale ed attiva artefice del mutamento ... prima di tutto il viaggio in Italia ha preso nemmeno cinque minuti del film, seconda di poi la figlia non ha fatto proprio niente, si limitava a stare con il padre, a cucinare, a ballare ogni tanto, ... solo una volta ha mandato una occhiataccia al padre quando si è ritrovata la mattina a fare colazione con una donna che non aveva mai conosciuto. Ad un certo punto la ragazzina deve andare al campo estivo e si mette a piangere perchè anche la madre è partita per un viaggio interiore ed il padre è assente, questo pare essere il punto di svolta di Jhonny il quale poi si domanda chi è e cosa ci sta a fare al mondo, risposte che altri trovano solo dopo anni ed anni, ma che lui trova in termine di poche ore, beato lui.

il mio consiglio: non andate a vederlo, scaricatelo a spregio

domenica 12 settembre 2010

Profumi per l'inverno

Questi sono gli ultimi giorni di vita per le nostre piantine di basilico, purtroppo il freddo è alle porte. Alcuni riescono a tenere in casa le piantine per utilizzarle anche nella stagione fredda, ma c'è un altro modo per conservare in modo rapido ed efficiente le foglie ed il loro profumo.
Si prendono i rametti di basilico e si lavano, poi si fanno asciugare, si staccano le foglioline e si mettono in un barattolo di vetro, gli stessi che si usano per le conserve, si chiude con il tappo senza stringere troppo e si mette tutto nel congelatore. Durante l'inverno basterà aprire il barattolo e prendere quello che ci serve.
Con questo sistema non si avranno le foglioline belline belline tutte intere, ma si dovrà sbriciolarle un pochetto, ma in fin dei conti per mettere nel sugo o per condimento vanno benissimo anche le foglie un poco spezzettate.

sabato 11 settembre 2010

Emergenzi


questa è l'ultima data del convegno nazionale di Emergenzi. Anche lo scorso anno vennero a Firenze ed ebbero in bel successo, complice l'ingresso gratuito, ed hanno quindi deciso di bissare. Questo anno c'è veramente mezza città, ci aspettavamo la folla, ma non a questi livelli! siamo arrivate praticamente all'apertura dei cancelli e già non c'era posto. Non possiamo fare spese folli e rischiamo pure di fare digiuno, non morirò certo di fame, perché al bar stanno per dimiretu tutto e non possiamo uscire fuori .

Posted by ShoZu

venerdì 10 settembre 2010

"Dune" di Frank Herbert

More about Dune
Magistrale descrizione di un mondo e dei suoi abitanti, la trama è un intreccio tra politica e profezie religiose. Il libro non è "veloce", ma scorre bene.
Non è un libro di avventura, ma è più introspettivo, ci si sofferma molto sui pensieri del protagonista, sul suo stato interiore, un giovane che si ritrova ad essere il messia che tutto un popolo attendeva, con scelte difficili da fare ed un compito da compiere.
Personalmente lo coniglio anche a chi non ama il genere di fantascienza.

olio aromatizzato


questo anno io e mia sorella vogliamo fare gli oli aromatizzati, a lei però basta fare le varie versioni con i peperoncini piccanti, io invece ho pina lista sempre più lunga di possibili aromi: cipolla, basilico, ramerino, salvia, ... Per il momento abbiamo messo ad essiccare al sole, fino a che c'è, i peperoncini "piccanti ma troppo" e siamo in attesa che marurino quelli estremamente piccanti. Dopo non ci resterà altro da fare che comprare le mini bottigliette di olio e dare il via agli esperimenti.

Posted by ShoZu

giovedì 9 settembre 2010

zucca del pescatore


zucca del pescatore o del pellegrino. Peccato che non ci hanno avvertiti del fatto che praticamente è una pianta infestante, le nostre 5 piantine stanno invadendo lo spazio altrui e stanno praticamente soffocando i peperoni. ma la cosa non mi tocca perché i peperoni non mi piacciono :P Inoltrecnon ci hanno avvertiti checi frutti pesano un casino e stanno spezzando tutte le canne che avevamo messo per sorreggerle. Adesso devo solo trovare il modo per seccarle ed utilizzarle come contenitori

Posted by ShoZu

lunedì 6 settembre 2010

Buona rificolona a tutti

ona, ona, ona ma che bella rificolona
La mia l'è co' fiocchi e la tua l'è co' pidocchi.
E l'è più bella la mia di quella della zia.

Bello, bello, bello, chi guarda l'è un corbello.

caramelle


tornare al lavoro è sempre uno trezzo, specialmente quando non sai se durante la pausa estiva hanno riparato tutte le magagne. Per fortuna che i ragazzi del call center hanno ricomprato le caramelle. Purtroppo non sono le gelatine, le uniche caramelle che mi piacciono, ma è sempre divertente fare incursione nella loro stanza a vedere se ci sono le chicche da rubare :P

Posted by ShoZu

domenica 5 settembre 2010

"Io sono leggenda" di Richard Matheson

More about Io sono leggendaL'autore sfrutta la capacità della carta di raccontare non cosa fa il protagonista, ma cosa prova. Cosa spinge l'unico sopravvissuto a non lasciarsi andare alla morte

mercoledì 1 settembre 2010

pomodori bistecca


oggi con mia sorella abbiamo fatto un poco di colta dei pomodori, alcuni sono enormi e possono pesare anche circa 1Kg. Con mia sorella stavamo scherzando sulle fiere di paese delle serie tv americane dove si premiano gli ortaggi giganti, noi volevamo portare i nostri pomodorini. Dopo però a loro spetta un futuro come pummarola.

Posted by ShoZu